DOMENICA 25 FEBBRAIO APPUNTAMENTO ITINERANTE (AR-SI-GR) CON I CANDIDATI M5S: SUPERARE LE DISCARICHE CON L’ECONOMIA CIRCOLARE

Domenica 25 febbraio alle 21 c/o la sala comunale di via Fiorentina 329 appuntamento con la tappa aretina del tour itinerante sul tema della gestione dei rifiuti in ATO Toscana sud, Arezzo, Siena e Grosseto.

Tra i relatori dell’evento il portavoce M5S in Regione Toscana Giacomo Giannarelli, il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin e i candidati M5S Donella Bonciani, Caterina Orlandi e Gregorio De Falco.

Saranno presenti anche altri candidati M5S dei vari collegi uninominali e plurinominali. Incontro aperto a tutti.

Share

BIANCHI/BONCIANI (M5S): E45 “PER NENCINI PONTI CROLLATI SONO PICCOLI PROBLEMI? ABBIAMO IDEE DIVERSE”

Arezzo 16 febbraio 2018. “In questi giorni siamo di nuovo a constatare situazioni di estrema pericolosità nella vita quotidiana dei cittadini e promesse elettorali che si susseguono senza soluzione di continuità. Il caso E45 ne è un chiaro esempio” così Lucio Bianchi e Donella Bonciani, candidati M5S nei collegi aretini.

“Le notizie ci parlano di un’ampia porzione della E45, strada di grande percorrenza e di fortissimo usufrutto, che ha ceduto creando una crepa sull’asfalto di diverse decine di metri”, proseguono i candidati M5S, “Erano ormai giorni che gli utenti stavano segnalando delle anomalie ma a quanto pare nessun responsabile si è preso cura della questione fino a che il manto stradale non ha ceduto”.

“Tra il 2014 e il 2017 ben due procure, Arezzo e Perugia, avviarono indagini sulla E45 e il lavoro dei magistrati ha portato l’anno scorso all’avviso di chiusura indagine e ben 8 arresti per gli appalti ANAS toscani dove era regola, secondo i magistrati, il 3% di tangenti. Come Movimento 5 Stelle, in Consiglio regionale, denunciammo le condizioni di criticità dell’arteria costruita, a quanto pare, con materiali di scarsa qualità al punto di presentare crepe nei piloni di sostegno. Chiedemmo un’indagine sulle condizioni di sicurezza ma il PD regionale disse no, quindi, verrebbe da dire: per loro tutto bene” proseguono Bianchi e Bonciani.

“Noi siamo di altro avviso e infatti siamo in attesa della risposta all’interrogazione che sempre i nostri consiglieri regionali hanno posto alla giunta PD-Rossi, riguardante l’analisi tecnica e politica dei 280 incidenti causati da buche, crolli o giunti metallici che si staccano nella E45. Nell’attesa ogni giorno migliaia di persone continuano a passare per questa infrastruttura e ci sembra che solo a noi interessi seriamente capire se lo fanno rischiando la propria incolumità o meno” sottolineano i candidati M5S.

“Se non bastasse, in piena campagna elettorale, adesso il Viceministro ai trasporti e infrastrutture Nencini sta facendo il giro della Toscana dicendo che per i “piccoli problemi” che incontra nei suoi giri elettorali cercherà di far intervenire ANAS. Beh, diciamo che ANAS dovrebbe essere già intervenuta diverse volte, e visti gli arresti passati, ci auguriamo che se mai interverrà lo faccia in maniera trasparente” sottolineano Bonciani e Bianchi che aggiungono “certo lascia sconcertati che Nencini chiami “piccoli problemi” alcuni “ponti crollati””.

“Passando alle promesse elettorali il Viceministro ha citato la “due mari”: progetto nato nel 1958, finanziato con una prima tranche nel 1985, poi cercato di tenere in vita con un project financing naufragato miseramente. Adesso, miracolosamente, sembra che verrà inaugurata nel 2022, tramite un bando ANAS da 80 mln di € che ha già visto molte fasi di progettazione, con enorme dispendio di risorse pubbliche. Attualmente, AD 2018, ciò che vediamo è una situazione molto complessa che con le solite macchinazioni d’appalti all’italiana resterà l’ennesima promessa elettorale, visto che gli snodi aretini di Olmo e Lucignano, ancora non sono neppure previsti nei progetti. Se gli italiani ci manderanno al governo, queste storie saranno un passato da dimenticare” concludono Donella Bonciani e Lucio Bianchi.

Share

Sicurezza tour: mercoledì 14 febbraio alle 21 a San Giovanni Valdarno per parlare di Sicurezza e Libertà

Mercoledì 14 febbraio secondo appuntamento della campagna elettorale del M5S, l’evento si terrà alle 21 presso piazza della Libertà 1 a San Giovanni Valdarno. Alla serata dal tema “Sicurezza e Libertà” nell’ambito del tour tematico elettorale, interverranno i candidati alla Camera e al Senato Alfonso Bonafede, Gregorio De Falco, Renato Scalia. Saranno presenti anche gli altri candidati portavoce della provincia di Arezzo. L’incontro è aperto a tutti.

 

Share

Gestione fenomeno migrazione: le giravolte leghiste e la disinformazione

La neo-candidata al Senato della Lega, Tiziana Nisini, ha recentemente dichiarato che in qualche modo, il M5S vorrebbe agevolare l’immigrazione clandestina. Prima di tutto però va stigmatizzato il modo ed i toni con cui lei affronta un episodio di delinquenza, mettendo in risalto la “nazionalità” e non il reato, buttando irresponsabilmente benzina sul fuoco, per attizzare le ire di una parte di cittadini (purtroppo sempre più cospicua) che si sentono abbandonati dallo Stato, soprattutto all’indomani dell’episodio di Macerata.

La politica della Lega purtroppo è incentrata su “ruspe” e “felpe”, cavalcando il disagio di cittadini italiani che si trovano, loro malgrado, a subire gli effetti di un fenomeno, come quello dell’immigrazione clandestina causato e incentivato anche dalla Lega e dai loro alleati, tra cui Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Questo è quanto denunciato dalla portavoce M5S al Parlamento europeo Laura Ferrara il 17 novembre 2017, in cui viene anche messo in risalto di come le scelte politiche della Lega hanno incentivato l’ingresso in Italia di clandestini potenzialmente pericolosi, così come spiegato al punto 2):

Salvini prima sbraita contro i migranti economici poi accetta le riforme della Merkel. Aspettiamo ancora di sapere perché ha cambiato il voto sulla riforma “tedesca” del Regolamento di Dublino. Non può cavarsela con mezzucci da bar dello sport per cercare di nascondere la verità. Con la sua astensione si è persa l’occasione di cambiare una riforma che fa solo gli interessi della Germania. La Merkel lo aveva detto lo scorso 28 agosto: non voleva i migranti economici e così è stato. Nel mandato negoziale approvato dal Parlamento europeo c’è un silenzio tombale sugli irregolari che vengono abbandonati in Italia. Ecco le prove delle giravolte leghiste:

19 ottobre 2017: la Lega Nord vota in Commissione Libertà civili del Parlamento europeo contro la riforma perché “non migliorerà la situazione dell’Italia”, perché “Bruxelles ha reso ancora più debole il nostro Paese”, perché “dispiaciuto che il Parlamento europeo abbia perso l’occasione di accogliere i nostri emendamenti migliorativi, volti a cambiare la politica sui rifugiati”.

17 novembre 2017: la Lega Nord si astiene durante il voto finale. Se il Parlamento europeo avesse bocciato il mandato negoziale sulla riforma del Regolamento di Dublino (anziché con l’ipocrita astensione della Lega) si sarebbe potuto lavorare per migliorare il testo.

PERCHÈ QUESTA RIFORMA PEGGIORA SOLO LE COSE

Abbiamo sempre lottato al Parlamento europeo per una reale, forte e autentica solidarietà europea. I migranti che arrivano nel nostro Paese vogliono andare in Europa, quindi devono essere i Paesi membri a condividere equamente le responsabilità dell’accoglienza. La riforma del Regolamento di Dublino votata da Pd e Forza Italia non dice questo: c’è scritto che tutti i migranti economici devono restare in Italia. Stiamo parlando di oltre 70.000 persone che devono essere rimpatriate, ma i rimpatri sono molto difficili visto che mancano gli accordi con la maggior parte dei Paesi di provenienza. Inoltre, ci sono troppi filtri che appesantiscono la procedura e mettono un peso eccessivo sugli Stati membri di primo arrivo. Questi sono i punti che di fatto vanificano la cancellazione del principio del Paese di primo ingresso:

1) PRIMO FILTRO. Il primo filtro stabilisce che i migranti economici, a differenza dei rifugiati, rimarranno nel Paese di arrivo. Sarà solo l’Italia a farsene carico e saranno difficili i rimpatri visto che mancano gli accordi con la maggior parte dei Paesi di provenienza.

2) SECONDO FILTRO. Viene introdotto il filtro della sicurezza: anche in questo caso tutte le persone potenzialmente pericolose per la sicurezza pubblica restano nel Paese di primo ingresso. Non siamo contrari alle verifiche sulla sicurezza, ma siamo contrari al fatto che i Paesi di primo ingresso vengono lasciati da soli a gestire questi soggetti potenzialmente pericolosi.

3) PRIMO PAESE DI APPRODO SEMPRE RESPONSABILE. Nasce il criterio della responsabilità permanente. Con le vecchie regole uno Stato membro diventava competente se il richiedente vi aveva soggiornato per 1 anno anche se era sbarcato in un altro Paese, con la nuova revisione non sarà più così. L’Italia come Paese di primo approdo sarà permanentemente responsabile dei migranti arrivati. Altro che solidarietà!

4) RICOLLOCAMENTO SOLO DOPO LE VERIFICHE DEI DUE FILTRI. Il meccanismo di ricollocamento non è affatto automatico: scatterà dopo le procedure dei filtri sulla sicurezza e sulla domanda. Un richiedente asilo potrà, dunque, essere trasferito in un altro Paese dopo molti mesi dal suo arrivo e nel frattempo sarà sempre l’Italia a farsene carico.

5) PAESI POVERI PENALIZZATI. Fra i criteri per redistribuire i richiedenti asilo non c’è il tasso di disoccupazione: restano solo quelli del PIL e della popolazione. Questo significa che non si terrà conto delle difficoltà che hanno i Paesi con i livelli di disoccupazione più alti, come l’Italia e la Grecia. Così c’è il rischio di una “guerra fra poveri”: da una parte i rifugiati che hanno riconosciuto il diritto a restare in Italia e dall’altra i disoccupati italiani che non trovano lavoro.

6) TEMPI LUNGHI PER I PAESI IN RITARDO. È concesso un periodo di 3 anni di transizione per gli Stati che sono in ritardo con l’applicazione delle procedure di accoglienza. Questi Paesi sono di fatto esonerati dal meccanismo della redistribuzione. Così facendo si legittima l’egoismo di alcuni Stati membri che si rifiutano di applicare norme comuni per il diritto di asilo e l’Italia continuerà in questi tre anni ad avere più migranti degli altri Paesi europei.

Siamo stati i primi a denunciare il Regolamento di Dublino che ha trasformato l’Italia nel campo profughi d’Europa. E non saranno le promesse di qualche ricollocamento a farci cambiare idea. I dati parlano chiaro: il 71% dei migranti che dovevano lasciare l’Italia, secondo le promesse dell’Europa fatte due anni, non lo ha fatto. Continueremo a lottare per una riforma vera e non ipocrita del Regolamento di Dublino. Sull’immigrazione abbiamo già dato. Non possiamo accettare compromessi a trazione tedesca. Forza Italia, Pd e Lega-cagnolino stanno abbassandola la testa ai diktat della Merkel. A pagare non devono essere sempre e solo i cittadini italiani! Tutto il resto è solo stucchevole e becera propaganda.

Massimo Ricci portavoce M5S Arezzo

Share

Aggiornamento sui lavori per il prossimo Consiglio Comunale

Abbiamo depositato nei giorni scorsi altre proposte, sotto forma di atti di indirizzo, da discutere in Consiglio Comunale.

Eccoli nel dettaglio:

Il nostro lavoro per un’Arezzo a 5 Stelle continua…

Share

Resoconto a 5 stelle: il Consiglio comunale del 19 ottobre

Come già spiegato dal nostro portavoce Massimo Ricci, abbiamo deciso di non presentare alcuna interrogazione urgente all’ultimo Consiglio comunale in segno di protesta. La novità è che in base al NUOVO art.55 del NUOVO regolamento del Consiglio comunale (votato da maggioranza e opposizione ad eccezione del M5S) il Presidente del Consiglio comunale – assieme ai due vicepresidenti, di cui uno del PD e uno della maggioranza – decideranno a loro insindacabile giudizio quali interrogazioni poter presentare e discutere in forma urgente in aula e quali no.

Abbiamo inoltre avuto modo di verificare tramite i nostri atti di indirizzo che questa maggioranza non intende in alcun modo dare seguito alle proposte costruttive e di interesse generale che cerchiamo ogni volta di proporre. Non che faccia molta differenza ottenere l’approvazione o meno del CC, in quanto altri atti di indirizzo da noi proposti e poi approvati non hanno avuto seguito.

Entrando nel merito del Consiglio comunale dello scorso 19 ottobre 2017:

  • Atto di indirizzo su ripartizione quote in Ato Sud con modifica dello statuto, in cui si chiedeva che il Sindaco nonché presidente di Ato, convocasse l’assemblea per cambiare i criteri di ripartizione delle quote di comuni che fanno parte di Ato sud. Infatti ad oggi chi fa più raccolta differenziata e riciclo, quindi partecipa ad un sistema più VIRTUOSO, ha meno peso del Comune con un inceneritore o una discarica. Non solo è stato sonoramente bocciato, ma addirittura il Sindaco è scappato via prima dell’inizio della discussione.
  • Atto di indirizzo Istituzione del Corpo di Polizia Turistica per contrastare l’illegalità nel campo dei servizi turistici: l’idea è piaciuta, stando ai commenti, ma l’atto è stato criticato per un aspetto del tutto formale. Lo abbiamo RITIRATO per riproporlo modificato e togliere gli aspetti contestati così da avere i voti necessari all’approvazione.
  • Atto di indirizzo Inasprimento sanzioni per abbandono rifiuti: secondo i presenti in aula non è ritenuto opportuno aumentare le sanzioni, “le leggi e i regolamenti ci sono già”. Per noi invece sarebbe stato più che opportuno, anche se ovviamente ad oggi le sanzioni per abbandono rifiuti sono pari a ZERO, mettere in luce che i controlli e le sanzioni che già esistono non vengono applicate. Sarebbe comunque stata un’ottima occasione per aumentare l’attenzione della cittadinanza sul tema e un segnale per dichiarare di voler combattere il fenomeno. Invece il nostro atto è “fuffa” a loro dire (dal politichese “termine con cui l’attuale maggioranza definirebbe i lavori presentati dal Movimento 5 Stelle”). Viene infine proposta in Consiglio un’iniziativa per sensibilizzare la cittadinanza sul tema del degrado, senza considerare minimamente il consolidato appuntamento fisso mensile con il “PuliAmo Arezzo” insieme agli attivisti del MoVimento 5 Stelle per promuovere un senso civico in tal senso. Alla fine abbiamo deciso di RITIRARE l’atto di indirizzo.
  • Atto di indirizzo Ispettorato Ambientale Volontario: purtroppo non è stato capito. L’Assessore sostiene l’esistenza di tale figura, ed è corretto. La differenza sostanziale sta nel fatto che Sacchetti e la sua Giunta vorrebbero allargare il reclutamento degli ispettori al solo personale delle associazioni Wwf e Oipa. Noi invece crediamo in una partecipazione più ampia e profonda della cittadinanza per cui chiedevamo la partecipazione diretta del privato cittadino. L’abilitazione può darla il Comune mediante un apposito corso come già avviene in altre città, peraltro non necessariamente amministrate dal MoVimento 5 Stelle. Ma ovviamente la vecchia politica fatica a comprendere queste misure fortemente partecipative. Atto BOCCIATO!
  • Atto di indirizzo Videosorveglianza: oggi ci dicono che la videosorveglianza è “risolta”, capitolo chiuso, c’è già un progetto. Bene, noi abbiamo presentato un’interrogazione il 27 marzo scorso sul tema a cui è seguito questo atto di indirizzo. Ho chiesto spiegazioni sulle modalità di attuazione: belle le telecamere e le fotocamere, ma ora spiegate agli aretini nel dettaglio come funzionerà il servizio. Infine davvero patetica la volontà di “Time out of joint” di accostare il pensiero del gruppo del Movimento con quelli della maggioranza circa certe tematiche. Siamo due mondi totalmente diversi! Atto BOCCIATO.

Tutto quanto sopra esposto è riscontrabile grazie alla registrazione streaming disponibile sul sito del Comune. E teniamo a sottolineare che non arretriamo di un millimetro e continueremo a proporre le nostre idee per migliorare questa città e a tenere il fiato sul collo a questa maggioranza.

Massimo Ricci portavoce M5S Arezzo

Share

Gestione dei migranti: “per colpa di chi”?

Le modalità di gestione dell’immigrazione rappresentano il più grande fallimento dei partiti. Il Regolamento di Dublino e l’accordo sui migranti con la Turchia hanno trasformato l’Italia nel campo profughi d’Europa.

Dopo aver invocato l’esercito a presidio di Saione, scritto lettere infuocate e articoli polemici rivolti a Prefetto ed Istituzioni, il sindaco Ghinelli scopre di essere, a sua insaputa, uno dei beneficiari principali della pioggia di denaro destinata all’accoglienza dei migranti, tramite la Fraternita dei Laici, nobile istituzione controllata interamente dal Comune di Arezzo e retta da un organo nominato direttamente dallo stesso Sindaco. Su un totale di circa 1250 migranti presenti nel nostro territorio, a fronte dei 1700 circa già previsti dal Piano prefettizio annuale, i 96 accolti dal Comune tramite la Fraternita e per i quali verrà percepita una somma di quasi un milione di euro andranno ad occupare stanze e casolari che nessuno, fino ad oggi, si era accorto potessero essere messe a disposizione dei cittadini in difficoltà, sfrattati, con famiglie numerose, etc. ma come tutti ben sappiamo dopo due anni di “Ora Ghinelli” l’economia vola e certi disagi riguardano ormai altre città e non di certo la nostra prospera Arezzo…

Gli aretini ormai hanno la consapevolezza che i rischi sono cresciuti in modo esponenziale, relativamente ai più recenti fatti di cronaca di alcune zone cittadine come via Piave, campo di Marte etc. La modalità di gestione dei flussi migratori è drammatica, il Sindaco predica bene sui canali nazionali e su tutti i media per poi “razzolare” sui denari legati all’accoglienza, affermando che tali risorse ricadrebbero sul territorio come se ciò fosse un’attenuante sufficiente a giustificare l’altissima densità di migranti nella nostra città, secondo i dati, superiore alla media regionale.

Il MoVimento 5 Stelle denuncia da tempo la mala gestione dei flussi migratori e l’esistenza di interessi trasversali (destra-sinistra, le solite cooperative, alcune ONG, Associazioni di mille specie e natura) che si adoperano per alimentare il flusso di migranti al solo fine di crearsi una rendita economica costante. “Coi profughi guadagno più che con la droga”, affermava Buzzi in una intercettazione condotta durante l’operazione Mafia Capitale. Valutiamo vergognoso che sull’argomento dei migranti e dei richiedenti asilo ci sia una notevole speculazione che coinvolge un po’ tutti i partiti, chi con le cooperative e chi per raccattare un po’ di voti.

È indispensabile che la gestione dei fondi destinati al sistema di accoglienza sia assolutamente trasparente, prevedendo anche l’eventuale pubblicazione obbligatoria dei bilanci analitici delle cooperative interessate nell’albo pretorio del comune di presenza della struttura di accoglienza. L’asilo è un diritto fondamentale concesso a coloro che fuggono dal proprio Paese per evitare persecuzioni o gravi pericoli e che quindi necessitano di protezione internazionale. Ci deve essere certezza e velocità nelle procedure per il riconoscimento dello status di rifugiato. Le Commissioni territoriali che verificano le domande devono essere messe nella condizione di lavorare al meglio.

Auspichiamo in un cambio di rotta da parte del sindaco Ghinelli che adesso, oltre a tagliare nastri, pini e platani, detiene una grande responsabilità per il futuro della nostra città.

Share

M5S Arezzo: gli ultimi lavori presentati

Vista l’impossibilità a partecipare all’ultima seduta del Consiglio Comunale del 24 luglio 2017, il nostro portavoce Massimo Ricci ha presentato i nostri lavori al Sindaco e alla Giunta via PEC.

Ecco la lista completa:

AGGIORNAMENTO 9 agosto 2017: abbiamo presentato una interrogazione a risposta scritta sull’abbattimento di alberi sul territorio comunale, a nostro avviso un’azione compiuta troppo spesso da questa giunta:

Share

Consiglio Comunale 8 giugno 2017: le nostre interrogazioni

Ecco l’elenco di tutti i lavori presentati dal Movimento 5 Stelle tramite il nostro portavoce Massimo Ricci in occasione dello scorso Consiglio Comunale di giovedì 8 giugno 2017:

Share

SAN ZENO AL VELENO

Non è passata neanche una settimana dall’ultimo Consiglio comunale – denuncia il gruppo M5S di Arezzo – da quando abbiamo richiesto al Sindaco e all’assessore all’ambiente una verifica delle aziende presenti all’interno del Comune di Arezzo in cui si potrebbero verificare incidenti a rischio rilevante, che a San Zeno, in una nota azienda di recupero metalli, Cabro, si è verificata una esplosione di un forno con fuoriuscita di fumi tossici che hanno causato irritazioni alle vie respiratorie a diverse persone, lavoratori e residenti della zona.

Ricordiamo, ai nostri amministratori, che alla nostra interrogazione hanno replicato con una insignificante risposta, che a San Zeno si sono concentrate diverse aziende ed impianti di incenerimento importanti che necessiterebbero al più presto di un Piano di Emergenza complessivo, come previsto da norme datate 1995, Sicurezza sul Lavoro del 2008, leggi Seveso etc.

Ma si sa, ormai nel nostro Paese dalla logica al contrario, la norma principale e sempre attuale vuole che prima deve succedere l’incidente, e poi il Piano, per evitare, o sapere cosa fare in caso di incidente. Non è servita neanche la segnalazione di un nostro attivista che circa un mese fa, preoccupato dal colore “vivace” dei fumi che uscivano dalla Cabro aveva fatto intervenire sul posto i Vigili del Fuoco ma con il solito finale tutto italiano a tarallucci e vino.

Valuteremo come sempre le responsabilità e le irresponsabilità di queste persone.

Aspettiamo un intervento concreto del nostro Sindaco come primo responsabile della Salute Pubblica dopo che visitando San Zeno all’inizio del suo mandato non fece a meno di apprezzare la straordinaria qualità dell’aria con quella efficace dichiarazione (…) “qui si respira un’ariettina”, speriamo in un qualcosa di più visto il caso.

“Proprio in questi giorni – ricorda la deputata aretina Chiara Gagnarli (M5S) – avevo depositato un’interrogazione ai Ministri Lorenzin e Galletti in relazione al Progetto di Ampliamento ed Incremento produttivo della Chimet Spa, per sottolinearne le evidenti criticità di carattere epidemiologico, sanitario ed ambientale a cui è sottoposta tutta l’area.”

“Voglio ricordare – aggiunge la portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera – che il Consiglio dei Ministri di venerdì 9 giugno ha approvato un Decreto Legislativo di attuazione della direttiva 2014/52/UE che modifica l’attuale disciplina della Valutazione di incidenza ambientale, l’autorizzazione a cui sono sottoposte le attività produttive impattanti. La nuova norma ha l’obiettivo di efficientare la procedura e concedere un ampliamento della partecipazione pubblica, soprattutto dei residenti nelle zone interessate, mediante il potenziamento dell’Istituto di inchiesta pubblica.”

Prima di concedere autorizzazioni, crediamo sia opportuno ottimizzare la normativa sull’impatto cumulativo di più impianti, in modo da evitare concessioni in aree già impattate e dare maggior peso all’istituto del Dibattito Pubblico, già previsto dalla Legge regionale 46/2013, che tra l’altro era stato chiesto sul progetto Chimet dal Comitato Salute e Ambiente di Civitella, insieme a 4.652 cittadini cofirmatari, ed inspiegabilmente respinto.

Onorevole portavoce M5S Chiara Gagnarli, Vice presidente Commissione XIII Agricoltura

MoVimento 5 Stelle Arezzo

Share