Degrado Arezzo, basta proclami

Siamo indignati per quanto appreso dalla stampa relativamente alla segnalazione, con foto, di un cassonetto, “poco” intelligente a sua insaputa, fatta da un gruppo di donne, arrabbiate per la situazione dei giardinetti di San Donato che viene dichiarata al limite dell’inciviltà.

Da mesi, da anni, il Movimento 5 Stelle rimarca continuamente la situazione di degrado urbano che si manifesta a macchia di leopardo sul territorio aretino e sul marcato senso di disagio che si insinua in alcune fasce della popolazione.

La segnalazione delle donne assume ancor più valore, considerando l’esposizione dei bambini alla vista di siringhe nella zona antistante il contenitore strabordante di rifiuti. Rifiuti che non hanno potuto essere differenziati per assenza di spazi adeguati allo scopo.

Ora, laddove la raccolta differenziata urbana è seriamente e convintamente progettata, è usuale trovare spazi di raccolta differenziata con almeno quattro contenitori di piccole dimensioni adatte allo scopo e non uno solo come si vede nella nostra città.

Sicuramente il fatto è ancora più grave se è un luogo verde , un parco o un giardinetto che ci accoglie con questi segnali di abbandono e di sporcizia.

Strettamente collegato a questo problema di cattivo uso di spazi da parte di cittadini diseducati, vi è inevitabilmente il problema della sicurezza e della protezione necessaria e da mettere in atto per garantire un uso positivo degli spazi comuni.

Il M5S Arezzo con il candidato sindaco Michele Menchetti considera prioritario fra i punti del proprio programma la lotta al degrado degli spazi comuni e la sicurezza per tutti i cittadini che attraversano vie e parchi diffusi in ogni quartiere della nostra città. 

Raccogliamo la segnalazione delle donne che ad oggi non sembra abbiano trovato soddisfazione per i loro bisogni e ribadiamo che questa città non deve assolutamente sentirsi trascurata, ancor più in questo momento particolarmente difficile per i problemi di salute e di protezione richieste. Serve ribadire che, chi ancora governa, deve agire prontamente e permanentemente superando il modo spettacolare del solito blitz ad effetto, ma che dura qualche ora e non più di un giorno. 

Serve prendersi cura dei nostri spazi verdi, metterli in sicurezza, controllandoli grazie a presidi delle forze dell’ordine. 

Allo stesso tempo è necessario mettere in atto una politica di risanamento civico progettando azioni condivise con i cittadini e attività specificatamente studiate per ridare valore a certe zone in degrado. 

La cura del verde è una priorità del nostro programma ma lo è altrettanto il rispetto, l’integrazione e gli aspetti sociali di chi è o si sente emarginato.

Dobbiamo agire e farlo subito, abbiamo già un modello chiaro e fattibile di misure di sicurezza e lotta al degrado. Noi, spesso, parliamo del progetto Pionta, non perché ci interessi solo quello, ma perché da lì partiremo presentando un progetto ed un modello che possa restituire Arezzo ai legittimi proprietari: gli Aretini.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Pionta, dal Sindaco di nuovo solo improvvisazione

Sabato 20 giugno il Sindaco Ghinelli è stato ricevuto dal Prefetto di Arezzo insieme al rappresentante del neo costituito comitato “Duomo Vecchio”, formatosi una settimana prima, per parlare della sicurezza delle zone Campo di Marte e Parco del Pionta.

Teniamo presente che sia gli abitanti di via Duomo Vecchio che delle vie limitrofe tra le quali viale Cittadini, non sono stati coinvolti nella nascita di questo nuovo comitato. 

Campo di Marte, il Parco del Pionta e, in generale, il quartiere di Saione, hanno bisogno di essere rivitalizzate con progetti seri e non con iniziative una tantum che hanno tutta l’aria di essere dei mezzi discutibili per raccogliere qualche consenso.

Chiunque voglia impegnarsi per contribuire a migliorare la città, e in particolare questa zona, ci trova disponibili all’ascolto e al confronto. Siamo invece fortemente critici con un modo di operare come questo che assomiglia all’improvvisazione. 

Il Movimento 5 Stelle ha scelto di avere la sua sede operativa in viale cittadini n. 7. Pensiamo che sarebbe stato normale coinvolgere i suoi attivisti in un confronto. 

Vogliamo nuovamente sottolineare che abbiamo delle idee realizzabili, fattibili, assolutamente serie e vicine alle necessità degli Aretini e il nostro candidato a sindaco Michele Menchetti è disponibile a qualsiasi tipo di confronto su questo tema, avendo visto da vicino, con tutto il gruppo degli attivisti, la reale situazione, anche grazie alle nostre iniziative sul posto.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Ecobonus, l’Italia del futuro si comincia a (ri)costruire così

Il Governo ha previsto incentivi del 110% sugli interventi per efficientamento energetico.

Oggi siamo finalmente tutti concordi nel sostenere che per il rilancio economico è assolutamente importante puntare molto, se non tutto, sulla Green Economy.

A proposito di questo, il Governo ha fornito un ottimo assist o, per dirla tutta, un intervento storico e senza precedenti: l’Ecobonus che, insieme al Sismabonus, racchiude tutta una serie di interventi volti da un lato a far ripartire l’economia e dall’altro a farla ripartire in modalità “Green”.

Si tratta di un generoso contributo, il più generoso che la storia d’Italia ricordi,  all’economia Green, messo oltretutto in atto in uno dei momenti più delicati e difficili della storia d’Italia.

Non si ricorda nessun altro Governo che abbia spinto con questa forza l’economia verso la sostenibilità, aiutando allo stesso tempo moltissime ditte ad uscire dalla crisi.

Invece di asfaltare e cementificare ulteriore prezioso terreno agricolo o naturale, l’idea di ristrutturare l’esistente patrimonio edilizio in direzione dell’efficienza e del risparmio energetico è stata una mossa geniale e lungimirante.

Finalmente abbiamo delle iniziative virtuose che vengono prese dal Governo centrale e che porteranno benefici concreti e diretti anche nel nostro Comune.

Nello specifico si tratta di un incremento al 110% dell’aliquota di detrazione per interventi in ambito di efficienza energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici per spese sostenute dal 1°luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Fruibilità in 5 rate con possibilità di decidere per la cessione o lo sconto in fattura per la detrazione corrispondente.

Maggiori info su =>   https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/cs-21-05-2020

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Sicurezza, da cavallo di battaglia a emblema del fallimento della Giunta Ghinelli

Sul tema sicurezza la destra aretina ha totalmente ​fallito.

L’emergenza Covid-19 ha costretto a casa gli Aretini ed evidenziato ancora di più questa problematica. Infatti meno gente in giro ci permette di individuare con maggiore facilità certe situazioni, sono almeno ​cinque ​infatti i recenti episodi di microcriminalità, ripresi e ​documentati ultimamente nella nostra città.

Molti Aretini rispettano le regole mentre certi personaggi nelle zone del parco del Pionta, Saione, Campo di Marte, continuano bellamente a vagare per la città, fregandosene della salute pubblica, nell’unico intento di portare avanti i propri ​loschi ​ affari.

Una delle soluzioni che suggeriamo da mesi potrebbe essere la creazione di ​presidi ​della Polizia Municipale, a partire dal chiosco di Campo di Marte di proprietà comunale. E quindi a costo zero.

Perché l’Amministrazione non prova a raccogliere questo suggerimento? I proclami della Giunta si infrangono in una triste realtà: le cose non sono affatto cambiate. Non possiamo far finta di niente, è necessaria una ​risposta ​ chiara, immediata ed efficace.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Un esercito “invisibile”

In queste settimane, purtroppo, non si sente che parlare del nemico invisibile, il coronavirus Covid-19.

Ma c’è un’altra categoria “invisibile” che vogliamo ringraziare ed elogiare: l’esercito dei volontari Aretini.
Lavorano sempre nell’anonimato più assoluto ma allo stesso tempo rispondono sempre presente, dovunque e per qualunque occasione, siano essi ​donatori di sangue​, che in questo periodo hanno continuato a frequentare quello che è divenuto il luogo più a rischio di tutti ovvero l’ospedale, oppure ​volontari del dormitorio​, che con i loro turni devono coprire tutte le 24 ore della giornata, o ancora il ​vicino di casa​ che ha fatto la spesa per chi non poteva uscire, ​senza scordare coloro che hanno consegnato casa per casa le mascherine​. L’elenco è lungo e, non volendo dimenticare nessuno, ci fermiamo qui.

Il Movimento 5 Stelle Arezzo, concluso questo difficile periodo, non si dimenticherà di loro. Abbiamo anzi inserito questa categoria al centro del nostro programma.

Come già accade ad esempio per l’allattamento con le mamme Peer, noi pensiamo che i volontari possano ricoprire un ruolo fondamentale in molti settori tra cui per esempio l’ambiente, per il quale vorremmo istituire la figura del Custode Volontario nei principali parchi della città, ed anche per quanto riguarda il tema dei rifiuti, a cui potrebbero dare un contributo fondamentale supportando la cittadinanza con l’informazione circa le corrette modalità di differenziazione dei rifiuti.

Gruppo Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

PULIAMO AREZZO 34^ TAPPA: SAIONE, 26 GENNAIO 2020

#Arezzosicura #Saione #orabasta

PuliAmo Arezzo ha fatto tappa a Saione, un bellissimo quartiere della nostra città.

Tantissimi i proclami della Giunta comunale, ma la situazione è la solita.

Come Movimento 5 Stelle abbiamo preso a cuore questa realtà e ci impegneremo concretamente con tutti i cittadini: nel nostro programma, in vista delle elezioni comunali Arezzo 2020, abbiamo infatti inserito azioni concrete per risolvere seriamente questi problemi.

Con Puliamo Arezzo, non solo vogliamo sensibilizzare i cittadini, ma anche monitorare costantemente le zone periferiche della nostra città.

Con la gente, in mezzo alla gente.

#arezzoinmovimento #elezioni2020 #Arezzo2020

Share

CS M5S: AREZZO CITTA’ IDEALE

Proviamo a fare un piccolo esperimento.

Chiudiamo gli occhi e tentiamo di immaginare la città ideale in cui vorremmo vivere e quali caratteristiche essa debba avere.

Poi apriamo gli occhi e prendiamo coscienza che nella nostra città ci sono tante cose da migliorare.

A conferma di questo, ecco alcuni studi. Il 28 ottobre di questo anno è stato pubblicato sulla testata economica più importante d’Italia, il Sole 24 Ore, il rapporto di Legambiente e Ambiente Italia che ha misurato la performance ambientale dei 104 capoluoghi di provincia nel territorio nazionale dal titolo: “Ecosistema Urbano”.

Gli ambiti analizzati sono stati: accesso ai sistemi di trasporto, spazi verdi pubblici sicuri, qualità dell’aria, gestione dei rifiuti, efficienza delle risorse, sicurezza stradale.

In questa classifica Arezzo si colloca per il 2019 al 49° posto mentre nel 2018 era al 46° posto.

A nostro parere non bisogna neppure fossilizzarsi sul peggioramento della posizione perché entrambi rappresentano un risultato davvero insoddisfacente per una città di circa 100 mila abitanti che in classifica è stata superata da Firenze 24° posto e Milano 32° posto, decisamente più grandi e quindi più “complicate” da amministrare.

E non ha neppure senso tentare di giustificarsi, sindacando sui parametri e sugli elementi presi in considerazione, alcuni dei quali ci avrebbero “sfavorito” ed altri “avvantaggiato”.

Per chi nutrisse dubbi sull’attendibilità de “Il Sole 24 Ore”, c’è l’alternativa offerta dallo studio dell’ ”Avvenire” che in collaborazione con la Scuola di Economia Civile (SEC) e con il supporto di Federcasse ha costruito una classifica del “Ben- vivere” pubblicata qualche mese fa. Il progetto si basa sul concetto di “generatività”, cioè passare da una definizione statica di benessere ad una dinamica di ben-vivere, in cui tutti (cittadini, imprese, istituzioni, società civile) sono al contempo parte attiva e passiva del beneficio prodotto, in una continua relazione di reciprocità.

In questa classifica Arezzo si colloca al 56° posto su 104 capoluoghi di provincia italiani.

Infine è di questi giorni lo studio di Italia Oggi sulla qualità di vita nelle province italiane: Arezzo scivola dal 20° posto del 2018 al 50° del 2019.

Per quanto il risultato generale possa definirsi accettabile, scarsi sono invece i risultati della nostra provincia su ambiente, istruzione e salute.

Noi, come Movimento 5 Stelle, pensiamo che sia ora di smetterla di dar vita su qualsiasi argomento ad una lotta di ideologia: destra contro sinistra, buoni contro cattivi, ottimisti contro pessimisti.

Dobbiamo tutti passare oltre, senza dare importanza a certe interpretazioni inutili.

La città è di tutti e solo con l’impegno e il coinvolgimento di tutti possiamo creare una città migliore. Le scelte giuste, prese senza pensare al proprio tornaconto personale, non possono che apportare benefici ad Arezzo.

Abbiamo delle proposte per i vari ambiti descritti sopra.

Per quanto riguarda la sicurezza, tra le varie cose, siamo favorevoli alla creazione di presidi della Polizia Municipale, specialmente nei punti più delicati della città, quale ad esempio Campo di Marte, sfruttando il chiosco di proprietà del Comune che da anni è inutilizzato nonché vandalizzato. Pensiamo a quanto ne gioverebbe la zona compresa tra Pionta, Campo di Marte e in parte Saione. Oppure ridare vita a Villa Chianini, sia dando in comodato gratuito i locali alle associazioni del territorio sia prevedendo pure qui un presidio della Polizia Municipale.

Relativamente alla scuola, uno dei punti del nostro programma è quello di proporre agli istituti comprensivi l’insegnamento basico di alcuni sport con il coinvolgimento di società sportive aretine disponibili.

Per l’ambiente ci sono molti punti da affrontare. Uno è  la gestione dei rifiuti che, con questo porta a porta o con i cassonetti “intelligenti”, non porterà mai ai miglioramenti sperati. Altro punto il monitoraggio dell’aria che non può essere eseguito con due sole centraline in città: ci vuole sicuramente un controllo serrato nelle zone industriali quale San Zeno ad esempio. Le aree verdi devono poter avere un referente che possa fare da tramite tra i frequentatori e il Comune: è così che intendiamo proporre il Custode Volontario. La tutela degli alberi è per noi fondamentale e intendiamo suggerire la creazione di un “percorso turistico” basato sui vari esemplari secolari con una certa importanza storico-paesaggistica.

Il tema della salute dei cittadini deve essere affrontato in un modo integrato e supportato dalle tematiche della medicina di genere. In particolare è importante ripristinare le politiche di welfare al femminile, trasversali a tutte le famiglie che si trovano in condizioni anche temporanee di fragilità.  Un termine che racchiude in sé uno specifico sguardo di natura relazionale, emozionale, sociale, culturale ma anche e non solamente economico. Un’attenzione alle culture emergenti di integrazione, non solo tra stranieri ed europei ma anche tra giovani, cittadini di città e quelli extraurbani, nonché cittadini provenienti da altre realtà culturali italiane.

Queste descritte sono solamente alcune pillole del nostro programma per le prossime comunali del 2020. Chi volesse approfondirle, integrarle o anche proporre idee, può farlo intervenendo ai nostri incontri settimanali.

Le elezioni amministrative si avvicinano, il Movimento 5 Stelle ribadisce la sua totale apertura a chiunque voglia partecipare per scrivere insieme il futuro della nostra città.

Share

CS M5S: NUOVA SEDE DELLA POLIZIA LOCALE, QUANTO CI COSTI?

A fronte di certi articoli riportati dai media aretini circa la nuova sede della Polizia Locale, vogliamo fare delle precisazioni. Il rumore delle unghie sugli specchi era talmente forte che non abbiamo potuto ignorarlo. Sentiamo ormai parlare così spesso di questo argomento che pare sia un ordine di scuderia quello di convincere gli aretini che sia una scelta giusta.

Si affermano vari concetti tra cui la “indispensabilità” della decisione di spostare la sede in via Filzi, anche per l’impossibilità di far cadere la scelta sulla struttura comunale di via Tagliamento, che per noi sarebbe una delle soluzioni più logiche sotto tutti i punti di vista.

Risulta quantomeno dubbia tutta questa improvvisa fretta di effettuare questo spostamento quando la destra ne parlava già durante la campagna elettorale per le elezioni comunali del 2015. A nostro avviso sarebbe stato opportuno prendere del tempo per coinvolgere tutte le parti politiche al fine di trovare una soluzione ottimale e condivisa su larga scala.

Premesso che non viene mai citata la spesa di 6 milioni di euro per l’acquisto dell’immobile di via Filzi (quindi soldi pubblici dei contribuenti aretini), con il “risparmio” dell’affitto pagato ad Atam per ammortizzare tale uscita occorrerebbero più di 52 anni.

Non solo.

Riteniamo doveroso focalizzare l’attenzione degli aretini sul paventato “…risparmio per una cifra pari ad Euro 114.494 annui, attualmente corrisposti ad ATAM per la locazione dell’immobile sito in via di Setteponti…” per cui, secondo quanto citato da tale articolo, “…il Comune di Arezzo non dovrà più pagare l’affitto”.

L’affitto di 114.494 euro va corrisposto a ATAM che è di proprietà del Comune di Arezzo per il 99,92% per cui se è vero che i soldi escono dal bilancio del Comune, è altrettanto vero che entrano nel bilancio di Atam, una società a conti fatti del Comune stesso. Dove sta il risparmio? E’ stato un errore di analisi o si vuole prendere in giro la cittadinanza?

Per quanto riguarda invece la ricerca di un immobile tra 15 e 50 mq in piazza Guido Monaco da destinare a presidio della Polizia Locale, il Movimento 5 Stelle avrebbe preferito che anziché affittare e rendersi disponibili ad effettuare pure eventuali lavori di adeguamento del locale, si fossero utilizzate proprietà comunali – o al limite di altri enti pubblici – quali ad esempio, solo per citarne alcune, le ex circoscrizioni sparse sul territorio, l’ex Ufficio del Turismo poco fuori dalla stazione ferroviaria, i locali del Baldaccio o ancora usufruire del chiosco sito in Campo di Marte. Quest’ultimo avrebbe sicuramente influito direttamente in maniera positiva sul degrado della zona, prossima al Pionta e a Saione, posti già nel dimenticatoio da questa Giunta in attesa di estrarli nuovamente dal cilindro alle prossime elezioni comunali del 2020.

Share

DOMENICA 25 FEBBRAIO APPUNTAMENTO ITINERANTE (AR-SI-GR) CON I CANDIDATI M5S: SUPERARE LE DISCARICHE CON L’ECONOMIA CIRCOLARE

Domenica 25 febbraio alle 21 c/o la sala comunale di via Fiorentina 329 appuntamento con la tappa aretina del tour itinerante sul tema della gestione dei rifiuti in ATO Toscana sud, Arezzo, Siena e Grosseto.

Tra i relatori dell’evento il portavoce M5S in Regione Toscana Giacomo Giannarelli, il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin e i candidati M5S Donella Bonciani, Caterina Orlandi e Gregorio De Falco.

Saranno presenti anche altri candidati M5S dei vari collegi uninominali e plurinominali. Incontro aperto a tutti.

Share

BIANCHI/BONCIANI (M5S): E45 “PER NENCINI PONTI CROLLATI SONO PICCOLI PROBLEMI? ABBIAMO IDEE DIVERSE”

Arezzo 16 febbraio 2018. “In questi giorni siamo di nuovo a constatare situazioni di estrema pericolosità nella vita quotidiana dei cittadini e promesse elettorali che si susseguono senza soluzione di continuità. Il caso E45 ne è un chiaro esempio” così Lucio Bianchi e Donella Bonciani, candidati M5S nei collegi aretini.

“Le notizie ci parlano di un’ampia porzione della E45, strada di grande percorrenza e di fortissimo usufrutto, che ha ceduto creando una crepa sull’asfalto di diverse decine di metri”, proseguono i candidati M5S, “Erano ormai giorni che gli utenti stavano segnalando delle anomalie ma a quanto pare nessun responsabile si è preso cura della questione fino a che il manto stradale non ha ceduto”.

“Tra il 2014 e il 2017 ben due procure, Arezzo e Perugia, avviarono indagini sulla E45 e il lavoro dei magistrati ha portato l’anno scorso all’avviso di chiusura indagine e ben 8 arresti per gli appalti ANAS toscani dove era regola, secondo i magistrati, il 3% di tangenti. Come Movimento 5 Stelle, in Consiglio regionale, denunciammo le condizioni di criticità dell’arteria costruita, a quanto pare, con materiali di scarsa qualità al punto di presentare crepe nei piloni di sostegno. Chiedemmo un’indagine sulle condizioni di sicurezza ma il PD regionale disse no, quindi, verrebbe da dire: per loro tutto bene” proseguono Bianchi e Bonciani.

“Noi siamo di altro avviso e infatti siamo in attesa della risposta all’interrogazione che sempre i nostri consiglieri regionali hanno posto alla giunta PD-Rossi, riguardante l’analisi tecnica e politica dei 280 incidenti causati da buche, crolli o giunti metallici che si staccano nella E45. Nell’attesa ogni giorno migliaia di persone continuano a passare per questa infrastruttura e ci sembra che solo a noi interessi seriamente capire se lo fanno rischiando la propria incolumità o meno” sottolineano i candidati M5S.

“Se non bastasse, in piena campagna elettorale, adesso il Viceministro ai trasporti e infrastrutture Nencini sta facendo il giro della Toscana dicendo che per i “piccoli problemi” che incontra nei suoi giri elettorali cercherà di far intervenire ANAS. Beh, diciamo che ANAS dovrebbe essere già intervenuta diverse volte, e visti gli arresti passati, ci auguriamo che se mai interverrà lo faccia in maniera trasparente” sottolineano Bonciani e Bianchi che aggiungono “certo lascia sconcertati che Nencini chiami “piccoli problemi” alcuni “ponti crollati””.

“Passando alle promesse elettorali il Viceministro ha citato la “due mari”: progetto nato nel 1958, finanziato con una prima tranche nel 1985, poi cercato di tenere in vita con un project financing naufragato miseramente. Adesso, miracolosamente, sembra che verrà inaugurata nel 2022, tramite un bando ANAS da 80 mln di € che ha già visto molte fasi di progettazione, con enorme dispendio di risorse pubbliche. Attualmente, AD 2018, ciò che vediamo è una situazione molto complessa che con le solite macchinazioni d’appalti all’italiana resterà l’ennesima promessa elettorale, visto che gli snodi aretini di Olmo e Lucignano, ancora non sono neppure previsti nei progetti. Se gli italiani ci manderanno al governo, queste storie saranno un passato da dimenticare” concludono Donella Bonciani e Lucio Bianchi.

Share