GIOVEDI 1 MARZO DI BATTISTA A LATERINA: APPUNTAMENTO ALLE 18:30 IN PIAZZA DELLA REPUBBLICA

Il Futuro in Programma con Alessandro Di Battista farà tappa a Laterina, giovedì 1 marzo dalle 18:30 appuntamento in Piazza della Repubblica. Sarà la penultima tappa di un tour che ha portato Di Battista ad attraversare tutta l’Italia in camper, e che non poteva non passare anche da questa località in provincia di Arezzo.

Share

BONCIANI/BIANCHI (M5S) “SINISTRA E DESTRA A BRACCETTO NEL MALGOVERNO DEI RIFIUTI ATO SUD”

 

Arezzo, 21 febbraio 2018. “Da anni il Movimento 5 stelle contesta inefficienze e anomalie del sistema di gestione dei rifiuti nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto, territori riuniti nell’ambito ATO Sud. Abbiamo presentato mozioni e interrogazioni in molti comuni dell’ambito, supplicando le amministrazioni di procedere all’annullamento in autotutela della gara opaca vinta da Sei Toscana e di un contratto vergognosamente sbilanciato a favore di tale gestore privato a scapito della parte pubblica. Purtroppo gli amministratori dei nostri territori, da sinistra a destra, sono rimasti inerti persino dopo l’intervento della magistratura che abbiamo favorito” così Donella Bonciani e Lucio Bianchi, candidati M5S del territorio, a margine di un evento sul tema.

“Oggi nei confronti degli ex vertici di ATO sud e di Sei toscana pendono ipotesi di accusa gravi quali turbativa d’asta e corruzione. E le indagini hanno evidenziato fatti talmente sconcertanti che, su proposta di A.N.A.C, il Prefetto di Siena ha disposto il commissariamento del contratto stipulato tra ATO SUD e SEI Toscana, ovvero la misura più grave prevista dalla legge 114/2014 in tali situazioni” proseguono i candidati M5S.

“Senza dubbio si deve al PD toscano il disastroso modello di gestione dei rifiuti regionale che ha creato le condizioni per questo scandalo – precisano Bonciani e Bianchi – ma la cittadinanza dovrebbe ricordare a riguardo anche le immense responsabilità presenti e passate del centrodestra”.

“Dal maggio 2016 infatti presiede ATO Sud il sindaco di Arezzo, esponente di Forza Italia. Ghinelli fin dal suo insediamento ha promesso un’azione di indirizzo e controllo più consapevole ed incisiva da parte di ATO sulla gestione dei rifiuti e, quindi, un taglio netto con il passato. Intenti nobili miseramente contraddetti dai fatti che andiamo ad elencare” evidenziano i candidati M5S.

“Nel rapporto contrattuale con Sei Toscana manca un documento fondamentale “La carta della qualità dei servizi”. Si tratta di uno strumento  obbligatorio di trasparenza  a garanzia dei cittadini, necessario per misurare gli standard del servizio. Neanche sotto la presidenza Ghinelli si è pensato di riparare a tale enorme mancanza” sottolineano Bonciani e Bianchi.

“Per molto tempo poi – aggiungono i candidati M5S – anche durante la presidenza Ghinelli, ATO sud  è rimasto colpevolmente sprovvisto degli strumenti di prevenzione della corruzione imposti dalla legge  190/2012. Il Piano Anticorruzione è stato adottato solo nel marzo 2017 solo dopo che il Movimento 5 Stelle  aveva denunciato questa omissione di legge in un consiglio comunale aperto dove era presente anche Ghinelli”

“Senza dimenticare poi – richiamano Bonciani e Bianchi – quel 11 novembre 2016 quando Presidente Ghinelli propose in assemblea  la sostituzione del direttore generale di ATO, agli arresti domiciliari, con chi era stato responsabile unico del procedimento al tempo dell’affidamento del servizio, ovvero colui che avrebbe dovuto controllare la regolarità della gara e del contratto incriminati. Fummo i soli a contestare quella nomina, approvata da tutti i sindaci e in risposta. Peccato per i cittadini che qualche settimana dopo anche il sostituto si sia dovuto dimettere perché raggiunto da un avviso di garanzia” precisano i candidati M5S.

“Infine Ghinelli dovrebbe spiegare ai cittadini perché, nonostante l’aggravarsi delle criticità del servizio e nonostante il quadro preoccupante che le indagini andavano evidenziando, l’ATO abbia evitato qualsiasi atto di autotutela. Un atteggiamento stigmatizzato dallo stesso Cantone di ANAC e dal prefetto di Siena nel decreto di commissariamento” ricordano Bonciani e Bianchi.

“Sul tema dei rifiuti – concludono i candidati M5S – destra e sinistra condividono ogni responsabilità della mala gestione che costa ai cittadini una delle tariffe più care d’Italia a fronte di un servizio tra i peggiori del centro Italia. Solo una modifica radicale delle scelte fatte a livello nazionale e in Toscana potrebbe porre fine alle distorsioni e alle inefficienze del sistema. Un percorso virtuoso e sostenibile indicato dal Movimento 5 stelle nella sua proposta di legge regionale sull’economia circolare. Proposta che infatti il partito unico PD-Forza Italia- Lega Nord ha bocciato senza alcun riguardo per i benefici alla cittadinanza che avrebbe portato”.

Share

CONFERENZA STAMPA M5S AREZZO E COMITATO SANITA’, 3 APRILE 2017 SALA DEL BURATTO

A seguito dell’approvazione della nostra mozione con voto unanime dei presenti nel Consiglio comunale del 27 marzo, -dove il gruppo consiliare del PD era assente ed anche il Sindaco -, in cui si chiedeva l’adesione alla Giornata europea in difesa della Sanità pubblica, abbiamo organizzato una conferenza stampa assieme al Comitato Sanità Toscana, per comunicare che il M5S ed il Comitato Sanità Toscana hanno aderito al Manifesto della Giornata europea di mobilitazione del 7 Aprile 2017. In sei Stati Europei e negli USA saranno organizzate varie manifestazioni. In Italia sono previste mobilitazioni in ben 26 Città e 18 Regioni per il sostegno ad un SSN pubblico, universale, equo, di qualità, solidale e sostenuto dalla fiscalità generale.

L’evento, che in Toscana è previsto a Firenze, coinvolgerà le delegazioni dei Comitati Salute e Sanità della Toscana e le Associazioni di tutela dei servizi pubblici essenziali, nonché i liberi Sindacati che non sono zerbini/ scendiletto del PD e dei Partiti che portano avanti politiche di mercificazione della Salute.

Saremo insieme ai Cittadini che vogliono riconquistare il Diritto al SSNL’Italia, secondo i dati Eurostat del 2015, è uno dei Paesi con la percentuale più alta di bisogni sanitari insoddisfatti perché le cure mediche   sono troppo costose. E’ al quarto posto per numerosità dopo Grecia, Romania e Lituania.

Le ragioni della mobilitazione in Toscana:

  1. a) Assistenza ospedaliera negata. Se è vero che nella sola realtà fiorentina sono 20.000 i Cittadini in attesa di un intervento chirurgico, si può ipotizzare che in tutta la Toscana siano almeno 40.000. Una VERGOGNA, una vera OMISSIONE di Assistenza Sanitaria.
  2. b) Liste di attesa per visite e diagnostica. Una situazione talmente grave da far ipotizzare una strategia volta a favorire l’espulsione dal SSN a beneficio del privato e dell’intramoenia.
  3. c) Rinuncia alle cure. Se sono 11 milioni gli italiani che rinunciano alle cure (per difficoltà economiche e per impossibilità a ricevere prestazioni) si può affermare che alcune centinaia di migliaia di questi abitano in Toscana.
  4. d) Se oltre le tasse per 115 miliardi di euro, i Cittadini pagano altri 10 miliardi di euro, si può affermare che “l’esproprio legalizzato” in Toscana sia di almeno 500 milioni di euro (tra ticket e prestazioni a pagamento in intramoenia)
  5. e) Oltre questo gli italiani volenti o nolenti devono ricorrere a prestazioni erogate dal privato e/o privato sociale per ulteriori 20 Miliardi di Euro (in Toscana si ipotizza 1 miliardo di Euro) tramite polizze assicurative e contanti.
  6. f) Non esiste più un SSN, al massimo si può dire che siamo di fronte ad un Servizio Sanitario misto, essendo stato superato il 25% di prestazioni a pagamento.
  7. g) La diffusione dei Centri di erogazione privati è sempre più ampio. Molti agiscono tramite convenzioni con aggravi dei costi per le casse pubbliche.
  8. h) In Toscana abbiamo raggiunto il livello massimo dello spreco facendo realizzare al privato col Project Financing ben 4 ospedali con enormi diseconomie.
  9. i) In Toscana si è favorito il Terzo Settore (v. Cooperative) con inevitabili ricadute sulla qualità delle prestazioni, precarizzazione del rapporto di lavoro, ricattabilità e bassi salari. Gli scioperi del personale delle pulizie ne sono un esempio.
  10. j) In Toscana negli ospedali è in atto la politica del carciofo e/o della rana bollita. Progressivamente si tagliano Servizi ed interi settori assistenziali (Punti Nascita, Pronto Soccorso, Chirurgia dell’Urgenza). Tutto verrà centralizzato nei tre Ospedali Universitari di Siena – Firenze- Pisa. Assisteremo ad un via vai di ambulanze ed elisoccorso. Le ricadute in termini occupazionali e di ricchezza economica nelle zone sono e saranno gravissime.
  11. k) Le Case della Salute. Un’occasione mancata. Per adesso è stata cambiata solo l’etichetta. Un territorio è forte solo se ha il portafoglio e se le Case della Salute vengono riempite di contenuti e non di chiacchere.
  12. l) La proposta del PD. E’ innegabile che nell’ultimo triennio sia aumentata la povertà, aumentata la mortalità, diminuito il tempo di vita attesa. Di fronte a questo drammatico scenario il PD abbandona per sempre il Diritto alla Salute universale. “La Politica di Renzi è una politica economica improvvida e cieca, soprattutto a senso unico, per la quale è inevitabile, se non addirittura necessario, sacrificare la Sanità pubblica e quindi privatizzare il sistema” (Ivan Cavicchi). Ed ancora “L’immagine del Ssn più equo del mondo ormai è un paravento. La nostra sanità pubblica sta andando a picco” (Luca Benci). Rischiamo un ridimensionamento del nostro Servizio sanitario nazionale e una sua riduzione al “pavimento” (pavimento è qualcosa che si colloca in basso) di diritti. (l: Benci).
  13. m) La strategia del PD ormai è chiara:

1)            Aumentare le liste di attesa (Visite, Diagnostica e Ricoveri)

2)            Favorire l’inserimento delle polizze assicurative nei CCNL

3)            Defiscalizzare i costi delle polizze assicurative alle Imprese

4)            Defiscalizzare il costo delle polizze assicurative ai Soggetti privati

 IL 7 APRILE 2017 UNA GRANDE MOBILITAZIONE EUROPEA CONTRO LA COMMERCIALIZZAZIONE DELLA SALUTE E LA PRIVATIZZAZIONE DELLA SANITA’

Share

COMUNE DI AREZZO SALA DEL BURATTO LUNEDI 3 APRILE 2017 CONFERENZA STAMPA ore 17.00

Lunedì 3 aprile 2017 all’interno della Sala del Buratto del Comune di Arezzo si terrà alle 17 la conferenza stampa di presentazione per la Giornata europea di mobilitazione del 7 Aprile 2017 a Firenze.

Il Comitato Sanità Toscana, i Cittadini, le organizzazioni sindacali parteciperanno insieme a noi alla grande mobilitazione di venerdì 7 aprile che avrà luogo in gran parte d’Europa e d’Italia, con lo scopo di rilanciare il Diritto alla Salute, e per la riconquista di un SSN equo, universale, di qualità, sostenuto dalla fiscalità generale.

MoVimento 5 Stelle Arezzo

Share

PuliAMO Arezzo 8°tappa domenica 11 dicembre 2016 : zona stazione e giardini

puliamoarezzo8tappa

Torna l’appuntamento con “PuliAMO Arezzo”, l’iniziativa di pulizia urbana collettiva promossa dal MoVimento 5 Stelle Arezzo giunta all’ottava tappa, domenica 11 dicembre 2016 in zona stazione e giardini.

Tutti i cittadini sono invitati a prendere parte attiva all’evento, chiunque abbia a cuore il decoro della nostra amata città e dei suoi spazi verdi può raggiungerci con un semplice gilet fluorescente ad alta visibilità, dei guanti, sacchi per il pattume e tanto entusiasmo.

Il ritrovo è fissato domenica alle 9:00 al parcheggio in piazza della stazione. Dopo aver “bonificato” il piazzale della stazione, ci dirigeremo ai giardini sulla destra fino a via Margaritone. Poi torneremo indietro verso l’autostazione e gli altri giardini fino alla rotonda di viale Piero della Francesca.

In caso di maltempo l’iniziativa verrà rimandata a data da destinarsi.

Per informazioni, segnalazioni su zone, parchi, tragitti e luoghi del territorio comunale soggetti a particolare degrado e incuria scriveteci a:   puliamoarezzo@gmail.com

Share

PuliAMO Arezzo: Campo di Marte ripulito!

14568053_10209465210340044_4729229461985679846_nSi è svolta questa mattina la quinta tappa della nostra iniziativa urbana di pulizia collettiva denominata puliAMO Arezzo che ha avuto luogo a Campo di Marte. Inizialmente pensata come tappa leggera, si è poi dimostrata essere alquanto impegnativa. Grazie ai cittadini intervenuti (Esaù, Roberto, Massimo, Ivan, Giuseppe, Oreste, Francesco, Marco, Domenico, Riccardo, Filippo, Michele), abbiamo raccolto schifezze di ogni tipo: per l’ennesima volta vince la classifica il mozzicone di sigaretta ma a poca distanza si piazza la plastica (sai quella tutta a pezzettini) e a seguire bottiglie di vetro e di plastica, tappi, carte e cartoni, fazzoletti, lattine, brik vari, per concludere in bellezza con – udite udite – uno scooter (o ciò che ne resta), una batteria (!!!) e varie biciclette. Non potevano mancare neppure le siringhe ritrovate dietro le siepi tra feci e rifiuti vari e pure nel retro dell’ex-bistrot dove il puzzo di urina regna sovrano. E cerchiamo di spiegare a chi ne ha bisogno che le fioriere non sono discariche, grazie!
Alla prossima tappa!

Share

#IO VOTO NO: VENERDI 16 IN PIAZZA S.AGOSTINO

14183860_917840864994334_3190626443865282967_nVenerdì 16 settembre in Piazza Sant’Agostino a partire dalle 21:00 si parlerà delle ragioni per votare NO al Referendum costituzionale, l’iniziativa promossa dal MoVimento 5 Stelle dal titolo ‘Giù le mani dalla Costituzione’, con la presenza dei Consiglieri regionali della Toscana, i portavoce in Parlamento Chiara Gagnarli, Alfonso Bonafede, in Senato Laura Bottici e Sara Paglini, e i parlamentari europei Fabio Massimo Castaldo e Laura Agea. Interverrà anche il Prof. Stefano Merlini, docente di diritto costituzionale all’Università di Firenze.

Alle 19:00 è previsto un corteo degli attivisti M5S nell’ambito del quale verranno effettuati dei flash mob per sensibilizzare la cittadinanza a votare NO. Il percorso inizierà da Piazza Sant’Agostino alle 19, passando per Corso Italia, il Prato, Piazza San Francesco, Via Guido Monaco, Stazione ferroviaria, Viale Mecenate, Piazza San Jacopo e ritorno in Piazza Sant’Agostino.

La partecipazione all’evento è gratuita, tutti sono invitati ad intervenire durante l’incontro e creare dibattito sulla Riforma Costituzionale con i portavoce M5S ed il Prof. Stefano Merlini.

Share

Reminder: domenica 03 luglio puliAMO Arezzo al Pionta

Copia di puliamoilpionta12062016

Ricordiamo a tutti l’appuntamento con “PuliAMO Arezzo” organizzato dal Movimento Cinque Stelle di Arezzo per domenica 03 luglio.

L’iniziativa di pulizia urbana collettiva riguarderà nuovamente la zona del Pionta: questo perché qui il degrado è notevole ed abbiamo preferito bissare l’evento del 12 giugno. Il ritrovo è fissato per le ore 9.00 in via del Pionta.

Invitiamo tutti i cittadini alla massima partecipazione per rendere questo meraviglioso parco un posto sempre migliore. Per partecipare bastano un gilet ad alta visibilità, dei guanti e tanto entusiasmo ed amore per Arezzo.

Per eventuali segnalazioni sui prossimi tragitti da percorrere e luoghi particolari da pulire, si prega di inviare una mail al seguente indirizzo dedicato all’iniziativa:

puliamoarezzo@gmail.com

Share

Domenica 24 gennaio ore 10:00 in Piazza San Jacopo ad Arezzo #Etruria: Banche e massoni

IMG-20160121-WA0023

Banca Etruria è una delle vicende bancarie più brutte e sporche a cui si è assistito in Italia.

Un governo che calpesta e disprezza i risparmiatori mentre tutela la casta dei banchieri con un decreto “Salvabanche”, doppiamente casta nel suo intreccio di parentele coi ministri. Banchieri che, invece di supportare le imprese del Paese, cercano di mettere il risparmio dei cittadini truffati in mano a massoni e faccendieri, lasciando scegliere a mestatori da Prima Repubblica i dirigenti di una banca già in condizioni disastrose.

Cose già viste, riciclate, aggiornate, e persino se possibile peggiorate: tutto il marcio degli antichi rapporti clientelari tra banche, partiti, lobby e certa (im)prenditoria, all’ombra di un maestoso conflitto di interessi.

Il MoVimento 5 Stelle al governo, avrebbe adottato soluzioni del tutto diverse partendo da due principi: la discontinuità col passato delle clientele e l’eliminazione del conflitto di interessi. Ora vanno salvati i 150mila risparmiatori truffati, accertate le responsabilità dei vertici bancari e rimessa completamente in discussione questa vigilanza assente e lacunosa rimuovendo Giuseppe Vegas dalla Consob.

Domenica 24 gennaio il M5S sarà ad Arezzo. L’appuntamento è alle ore 10 in Piazza San Jacopo, con Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Daniele Pesco, Alessio Villarosa, Chiara Gagnarli, e molti altri parlamentari, cittadini e risparmiatori per difendere il risparmio, che è tutelato in teoria dalla Costituzione (articolo 47) ma massacrato nella pratica dall’insipienza di questo governo. I truffati del “Salvabanche” vanno risarciti integralmente.

Il governo deve salvare i risparmiatori, non le banche e i suoi conflitti di interessi.

 

MoVimento 5 Stelle

Share