Nuove Acque, tira e molla: questo sistema chi o cosa favorisce?

Questo apparente sistema di “giustizia”, fatto di pesi e misure, a chi o a cosa serve?

È una domanda che riproponiamo ogni volta che l’argomento riguarda le nomine nelle società partecipate dal nostro Comune.

Sarebbe così anomalo sapere se ci sono più candidati meritevoli, conoscere quali sono i loro curricula, i loro piani e programmi per la gestione di beni pubblici?

Sarebbe altrettanto anomalo parlare di bilanci, progetti e proposte?

Ci siamo dimenticati del referendum sull’acqua pubblica, ancora ad oggi disatteso?

Nessuno si chiede quale ruolo possono svolgere le società partecipate in un’ottica di sviluppo sostenibile?

È sui temi che vogliamo valutare le persone. Competenza, valore, trasparenza: sono concetti così difficili da usare?

Lasciamo per ultimo la parte “migliore”, ossia le parole rilasciate alla stampa dal sindaco Ghinelli il 12 gennaio 2018 con riferimento a Nuove Acque: “Io ritengo che la governance del servizio vada cambiata attraverso l’ingresso di Estra che a questo punto va accelerato e reso efficace il prima possibile. A noi serve una multiutility toscana che veda i sindaci e i Comuni protagonisti di scelte essenziali”.

A distanza di 4 anni il sindaco dice tutto e il contrario di tutto, e sullo sfondo c’è l’ombra oppure il sole della multiutility regionale.

Purtroppo, disattendendo per l’ennesima volta al diritto dei cittadini di avere trasparenza e cambio di mentalità nelle nomine di responsabili di ruoli, anche rilevanti, apprendiamo che sembra ormai certa la riconferma dell’amministratore unico di Coingas che, per combinazione, è in quota alla lista civica del sindaco.

Che chiarimenti e/o giustificazioni può darci il “nostro” Sindaco?

Movimento 5 Stelle

Share

New Public Library, tra il dire e il fare mancano 8 milioni

Qualcuno spieghi agli Aretini il nesso tra il finanziamento mancato per la New Public Library e la disponibilità della società di Ferrovie a vendere i terreni dove dovrebbe sorgere la stessa.
 
Ma soprattutto, dove il sindaco avrebbe trovato i fondi per l’acquisto del terreno e per la realizzazione del progetto?
 
Inizialmente abbiamo scelto di non commentare l’ennesimo progetto del Comune di Arezzo non andato a buon fine. La Regione Toscana ha infatti bocciato la New Public Library, progetto classificatosi solo 33° sui 46 che concorrevano per accedere ai finanziamenti. Insomma 8 milioni di euro persi per strada.
 
Non abbiamo voluto commentare neanche le parole della vicesindaco, rilasciate il 14 aprile, secondo la quale la Regione premierebbe i Comuni di centrosinistra: affermazione molto grave con cui lei vorrebbe giustificare il motivo della bocciatura ricevuta. Non c’è che dire: un’analisi decisamente approfondita, la sua.
 
Mercoledì 20 aprile è stato il turno del sindaco che aveva promesso di fare una richiesta di accesso agli atti ed eventualmente anche il ricorso al Tar, per vedere per quale motivo il progetto dell’ex scalo merci non ha ottenuto il finanziamento.
 
E infine una nuova proposta del sindaco che venerdì 22 aprile dichiarava in tono trionfalistico che la società FS Sistemi Urbani del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane aveva formalizzato la loro disponibilità alla cessione dei terreni dell’ex scalo merci sui quali sarebbe prevista la realizzazione della nuova Public Library. E’ ovvio, gli ex magazzini delle ferrovie versano in totale stato di abbandono, transennati da anni e privi del tetto: è banale pensare che le Ferrovie siano ben liete di disfarsi di questo asset decisamente non più strategico?
 
Come potersi fidare di una amministrazione che fa solo proclami? Un’amministrazione secondo la quale le “colpe” sono sempre degli “altri”.
Un’amministrazione che, solo per fare un esempio, in più di due anni, non ha saputo riqualificare il piccolo chiosco di Campo Marte, immobile di sua proprietà.
 
Movimento 5 Stelle
Share

Società partecipate, la politica resti fuori dalle nomine

Avevamo chiesto trasparenza sulle nomine nelle partecipate in scadenza, Coingas, Nuove Acque e Arezzo Casa, e invece pare inevitabile per l’ennesima volta la solita spartizione di poltrone.

È  incredibile che non si parli di competenza ma si continui a ragionare solo di caselle da riempire e di equilibri di partito da rispettare.

Un film già visto, un ritornello già sentito, quelle abitudini dure a morire.

Non ci rassegneremo e continueremo a manifestare la nostra totale contrarietà a questo modo di governare.

Anche questa volta il nostro appello cadrà nel vuoto?

Su Arezzo Casa e Coingas, in particolare, chiediamo pubblicamente un passo indietro rispettivamente del presidente e dell’amministratore unico.

Noi siamo convinti che si possa amministrare una città con criteri totalmente diversi da questi, con la consapevolezza che verrebbero raggiunti anche risultati migliori.

È questo il messaggio che lanciamo e che speriamo venga raccolto in particolare dai giovani e da tutti coloro che al nostro fianco vogliono costruire una società più equa, più giusta, dove tutti abbiano le stesse possibilità di accesso a ruoli dirigenziali in maniera trasparente e secondo merito.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Turismo ad Arezzo, i numeri inchiodano la giunta?

Come riportato da Massimo Guasconi, presidente della Camera di Commercio di Arezzo-Siena, i numeri sul turismo ad Arezzo per il 2021 sono in netto miglioramento ma, come lui stesso dice, “in ogni caso il numero dei turisti si attesta su livelli ancora inferiori di circa un terzo rispetto al 2019″.

Siamo consapevoli che, in questi due anni, il turismo ha dovuto fare i conti con la crisi economica causata dall’emergenza, ma questa non può essere la scusa con cui nascondere la polvere sotto il tappeto.

L’impegno e la collaborazione, da parte nostra, non sono mai mancati. 

Circa un anno fa, abbiamo ritirato, su richiesta della lista civica Ora Ghinelli, l’atto di indirizzo per la creazione di un percorso turistico ciclopedonale legato agli alberi monumentali, depositato a dicembre 2020, affinché potessimo lavorare insieme alla sua realizzazione, ma ad oggi, nulla è stato realizzato.

E’ stato bocciato un altro nostro atto di indirizzo sui servizi turistici di base, con il quale chiedevamo l’impegno della giunta per la realizzazione di un ufficio del turismo e di un deposito bagagli in zona stazione, oltre alla mappatura ed eventuale implementazione dei bagni pubblici di Arezzo.

Da ultimo, nonostante le precedenti bocciature, abbiamo voluto comunque depositare una nuova proposta relativa alla creazione di un biglietto unico per accedere a tutta una serie di servizi ed opportunità: lo abbiamo chiamato “Arezzo Infinita”. L’atto verrà discusso e votato nel prossimo consiglio comunale di fine aprile.

Siamo convinti che per essere una città dal respiro internazionale, non basta la “Città del Natale”, bensì occorre puntare in modo convinto, e pubblicizzare al meglio, quei tesori culturali che portarono il Carducci ad affermare che “Basterebbe Arezzo alla gloria d’Italia”.

Ci riferiamo, solo per fare un esempio, agli affreschi di Piero della Francesca, al crocifisso del Cimabue, all’archivio vasariano (una delle fonti più importanti per lo studio della storia dell’arte e della cultura del XVI secolo), alla casa del Petrarca, alla giostra del Saracino.

Il Movimento 5 Stelle continuerà sulla strada intrapresa: di critica verso l’attuale politica amministrativa, a nostro avviso poco incisiva, e di proposte per tentare di migliorare la nostra bellissima città.

Movimento 5 Stelle

Share

Fondi comunali e contrasto alle emergenze

Stiamo vivendo un contesto davvero particolare. 

Alle conseguenze dell’emergenza legata al Covid, si unisce la situazione difficile a cui sono costretti tanti civili in fuga dalla guerra.

Per questo, ringraziando tutti coloro che si stanno impegnando nell’aiutare chi è in difficoltà, sottolineiamo, come esempio, l’ottima iniziativa del CSI, guidato dal presidente Lorenzo Bernardini, che consente alle società sportive loro affiliate di tesserare gratuitamente i profughi provenienti dall’Ucraina sotto i 18 anni per coinvolgerli in attività ricreative e sportive. 

La situazione richiede un segnale forte anche da parte del Comune di Arezzo. La nostra proposta è quella di istituire un fondo di solidarietà straordinario con risorse comunali, da mettere a disposizione con un bando di selezione a tutti quei soggetti associativi che operano nel settore di intervento sociale socio-assistenziale e di aggregazione.

Chi si sta impegnando volontariamente per gli altri, impiegando le proprie risorse, deve poter contare anche sulle disponibilità che un comune, tanto più in una fase emergenziale, può mettere a disposizione delle fasce più deboli e a rischio esclusione.

Confidiamo che la nostra proposta, che sarà presentata al prossimo Consiglio Comunale, venga raccolta dalle istituzioni cittadine.

Movimento 5 Stelle

Share

Trasparenza e competenza, tre nomi di alto valore

Il sindaco e la sua maggioranza convergono sul commercialista Giovanni Grazzini, quale nome da portare in assemblea di Coingas per inserirlo nel consiglio d’amministrazione di Estra. 

Rimarchiamo la nostra contrarietà, non tanto sul nominativo, perché il dottor Grazzini è una proposta autorevole e ricordiamo ad esempio la sua relazione, estremamente critica, al bilancio del 31 dicembre 2019 della Fondazione Guido d’Arezzo nella veste di revisore unico, quanto sul metodo, da noi sempre osteggiato.

Tuttavia, volendo accettare – per un attimo – questo “sistema”, possiamo affermare che anche il Movimento 5 Stelle è in grado di proporre il nome di tre professionisti, altrettanto competenti, che hanno avuto modo di dimostrare tutto il valore delle loro azioni, resistendo anche alle pressioni della politica.

Tre nomi per risolvere, in un colpo solo, tutti i dubbi del sindaco legati alle nomine nelle partecipate di prossima scadenza. 

Per sapere chi sono, basterebbe chiedere al consigliere comunale Michele Menchetti, ma purtroppo lo stesso ha un solo e grosso difetto: quello di sedere tra i banchi dell’opposizione.

Movimento 5 Stelle

Share

Hospice a costo zero? Si può fare

L’unico risultato che ci interessa è vedere l’Hospice riaprire nel Parco del Pionta.

E’ ora il momento di tenere vivo l’argomento perché anche le nostre considerazioni sull’Hospice hanno contribuito a riportare l’attenzione su di un tema che, mese dopo mese, ha trovato l’appoggio di tutta la città.

La passione e la determinazione con le quali il dottor Maurizi sta fornendo delle soluzioni pratiche per trovare la collocazione più idonea per l’Hospice, trovano il nostro convinto e pieno appoggio.

Utilizzare la palazzina ex Calcit, già sede dell’Hospice, e riportare il centro oncologico dentro l’ospedale San Donato, oggetto quest’ultimo di ristrutturazione, ci sembra un’ottima idea per due buoni motivi: i tempi e i costi di realizzazione.

In alternativa, suggeriamo alla Usl di prendere in considerazione la ristrutturazione dell’immobile denominato Villa Chianini (di sua proprietà e oggi abbandonato) e di lasciare come extrema ratio la costruzione di un nuovo immobile. Quest’ultima scelta sarebbe, infatti, quella con i tempi di realizzazione più lunghi e con i maggiori costi di realizzazione.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Società partecipate, è fantamercato delle nomine.

Siamo nel 2022 e, nonostante i nostri continui richiami, non riusciamo a debellare quelle che per noi sono cattive abitudini.

Il sindaco Ghinelli, rappresentante di tutti gli Aretini e non solo di chi lo ha votato, ha recentemente risposto così al giornalista che gli chiedeva come sarebbero state fatte le nomine nelle partecipate: “L’obiettivo sarà quello di dare visibilità paragonabile al peso politico dei partiti che sostengono la maggioranza“.

Siamo allibiti dalle parole usate dal primo cittadino poiché non v’è accenno alla competenza e nemmeno alla trasparenza, per l’ennesima volta si deciderà tutto in segreto e in quelle “segrete” stanze del “potere” che l’ultima volta, a nostra memoria,  gli hanno portato qualche grattacapo ancora non risolto.

Correlato con le nomine, c’è un altro tema molto importante che riguarda gli interessi economici che queste società alimentano con la propria attività. Ognuno è libero di verificare quanto diciamo. Armandosi di un pò di pazienza,  si può trovare nei siti istituzionali di ciascuna società la sezione che riporta questi dati, citiamo per esempio Atam, in amministrazione trasparente sotto la voce tabella riassuntiva procedure; oppure nel sito di Arezzointour in amministrazione trasparente, sotto la voce contratti pubblici.

Vediamo in questo sistema molte somiglianze con il gioco del fantacalcio ma con due enormi differenze: la prima è che questo non è un gioco; la seconda è che nel fantacalcio ogni allenatore cerca di costruire una squadra scegliendo i migliori giocatori. Nel fantamercato delle nomine, invece, non abbiamo capito chi o cosa si cerca. O forse lo abbiamo capito fin troppo bene.

Il nostro pensiero sull’argomento l’abbiamo esposto in tutti i modi possibili, stavolta siamo certi che i cittadini da questa situazione trarranno le dovute conclusioni.

Movimento 5 Stelle

Share

PuliAmo Arezzo al Pionta domenica 27 febbraio

Domenica 27 febbraio saremo al Parco del Pionta con la nostra iniziativa di pulizia urbana collettiva.

Il ritrovo è fissato per le ore 8:45 all’entrata del parco, lato viale Cittadini, per poi cominciare l’attività dalle 9:00.

Partecipa anche tu! 

Insieme faremo un’opera buona per la nostra città e passeremo una piacevole mattinata all’aria aperta. 

Ti aspettiamo!

Chiunque abbia a cuore il decoro della nostra città e dei suoi spazi verdi può raggiungerci con un semplice gilet fluorescente ad alta visibilità, delle scarpe robuste, dei guanti, pinze raccogli rifiuti, sacchi per il pattume e tanto entusiasmo.

In caso di maltempo l’iniziativa verrà rimandata a data da destinarsi.

Per informazioni, segnalazioni su zone, parchi, tragitti e luoghi del territorio comunale soggetti a particolare degrado e incuria, scriveteci a: puliamoarezzo@gmail.com

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

M5S, un piano per Arezzo contro il caro energia

Raccogliamo con soddisfazione la proposta di Fabio Mori, fondatore e direttore della Casa dell’energia, sulla implementazione di soluzioni energetiche di ultima generazione. 

Noi siamo pronti, non solo a partecipare al tavolo per la creazione della prima Comunità Energetica Locale attraverso l’utilizzo dei fondi del PNRR, ma anche a discutere di progetti già attivi in altre città. Prendiamo come esempio il parco eolico di Affi, oppure il progetto Nemesys di Pontedera.

Poi c’è il capitolo formazione. Bisogna investire nella divulgazione e nella conoscenza. Citiamo il liceo quadriennale per la Transizione Ecologica e Digitale. Un percorso formativo che coinvolge 27 scuole superiori in tutta Italia, 4 università e aziende del consorzio Elis.

Siamo fiduciosi che questa sia la volta buona affinché l’amministrazione non perda tempo in riunioni per discutere di nomi e poltrone e si occupi, a tempo pieno, di come intervenire sui costi delle bollette di cittadini e imprese aretine.

L’amministrazione comunale ha il dovere di far sedere allo stesso tavolo, non solo i partiti di maggioranza e minoranza, ma tutti i soggetti che sono interessati all’attuazione della transizione energetica per parlare di competenza e autosufficienza energetica, visto che la provincia di Arezzo è già ricca di aziende leader nel settore.

Che la Casa dell’Energia possa essere un luogo neutrale dove mettere nero su bianco idee per poi vederle realizzate, sarebbe per noi un’ottima notizia.

La partita è iniziata, il Movimento 5 Stelle è pronto a raccogliere la sfida. E gli altri partiti? Attendiamo fiduciosi le prossime mosse.

Movimento 5 Stelle

Francesco Zagami

Share