Pronti, via! E il Sindaco perde pezzi

La lista “civica” Ora Ghinelli registra un’uscita a un mese e mezzo dalla proclamazione del nuovo consiglio comunale: il consigliere Bardelli lascia la sopracitata lista, con la quale è stato eletto, per approdare al gruppo misto comunale. 

Cosa lo avrà spinto a compiere questo gesto, dopo così poco tempo? Possiamo davvero inserirlo tra i record di velocità nel cambiare idea.

Abbiamo avuto la riprova di quanto abbiamo sostenuto in campagna elettorale circa la scelta dei nominativi da inserire nelle liste elettorali. (si veda il nostro Comunicato Stampa del 07/07/2020 ).

Quando si hanno le idee poco chiare, quando si pensa che i voti servono solo a misurare la propria “forza”, quando non si interpreta il proprio ruolo come un impegno morale verso i cittadini, può succedere anche questo.

Noi siamo diversi. Il Movimento 5 Stelle, che ho l’onore di rappresentare, è diverso e lontano da queste logiche.

Per quanto riguarda il Consiglio Comunale del 18 novembre, abbiamo purtroppo dovuto prendere atto che la nostra interrogazione sul presidio della Polizia Municipale è stata derubricata a “ordinaria” e quindi avrà – o dovrebbe avere – una risposta entro scritta entro 30 giorni. L’ufficio di presidenza non l’ha ritenuto un argomento “urgente“, per cui non ho potuto leggere l’interrogazione all’assemblea.

A nostro avviso invece l’argomento era ed è molto urgente, e non da adesso, ma da moltissimo tempo. Gli abitanti delle zone di Saione, Campo di Marte, parco del Pionta, hanno aspettato fin troppo per vedere concretizzato un progetto, un’idea che potrebbe davvero riportare un senso di sicurezza e tranquillità ai residenti e ai cittadini di passaggio.

Noi comunque non molliamo e porteremo avanti questa istanza finché non otterremo risposta dal Sindaco e dalla Giunta. 

Nonostante fosse inserito al punto 8 dell’ordine del giorno, il Presidente del Consiglio Comunale ha rimandato alla prossima riunione la discussione sul suo atto di indirizzo relativo agli “Indirizzi per la nomina, la designazione e la revoca dei rappresentanti del comune in enti, aziende, istituzioni e società partecipate”. 

Su questo argomento abbiamo presentato due emendamenti. In campagna elettorale ci siamo battuti affinché i criteri della trasparenza e della competenza fossero inseriti nella nomina nelle società partecipate. Insisteremo in sede istituzionale verso questa direzione.

Infine, ma non certo per importanza, abbiamo ricevuto la rassicurazione dall’Assessore Monica Manneschi che porterà particolare attenzione alla situazione delle case popolari. Le abbiamo fortemente chiesto di non aspettare che avvengano eventi estremi per intervenire, ma che venga controllata l’esecuzione della manutenzione ordinaria, proprio al fine di evitare certi incresciosi episodi.

Anche su questo vigileremo e restiamo a disposizione per tutti gli Aretini.

Movimento 5 Stelle

Michele Menchetti

Share

Mascherine, il Movimento 5 Stelle si unisce all’appello

Senza nessuna polemica, voglio esprimere la mia adesione, prima di tutto come cittadino e poi come consigliere di minoranza e portavoce del Movimento 5 Stelle Arezzo, all’appello lanciato dal sindaco Ghinelli insieme ai consiglieri di minoranza Ralli e Donati sull’utilizzo della mascherina.

Ci sono iniziative come questa che non hanno colore politico e, se saranno riproposte in futuro, non mancherà il nostro appoggio, qualora invitati a partecipare.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Michele Menchetti 

Share

Arezzo Casa, è l’ora dei fatti

A seguito del problema del degrado delle case popolari, tornato alla ribalta in questi giorni, ci sono state esternazioni sui media locali che non condividiamo assolutamente. Ci riferiamo in particolar modo a chi parla di una eredità di gestione decennale pesante, dimenticandosi che a partire dal 31 maggio 2016 il signor Lorenzo Roggi, espressione della destra, faceva parte del consiglio di amministrazione con il ruolo di vice presidente, nominato poi presidente il 27 agosto 2019. 

Noi non vogliamo certamente difendere l’operato del vecchio presidente (espressione della sinistra), ma addossargli tutte le colpe ci sembra eccessivo, tanto più che le parole dell’autore della nota stampa sopracitata, sono in netto contrasto con quanto affermato il 27 luglio 2019  dai comuni del centrodestra che riportiamo testualmente: “Lorenzo Roggi, attuale vicepresidente di Arezzo Casa è stato eletto alla carica rivestita nell’ultimo triennio e, proprio nell’ottica di assicurare una continuità nella gestione, è stato proposto dai Comuni del centrodestra come candidato a presidente“.

Nessuna delle cose fatte da Arezzo Casa, citate nell’articolo, rispondono alle richieste della signora Sonia e degli altri abitanti delle case popolari

Quindi, se l’autore è così sicuro dell’operato di Arezzo Casa, invece di rendersi disponibile a fare audizioni davanti alle commissioni consiliari e allo stesso CDA di Arezzo Casa come da lui dichiarato, si renda disponibile, come abbiamo fatto noi, al dialogo con queste persone e si impegni in maniera solenne, garantendo che i loro problemi sono e saranno al primo posto nelle priorità del suo mandato elettorale e nei programmi di Arezzo Casa.

La campagna elettorale è finita, adesso basta con le parole, è tempo di passare ai fatti.

Gruppo Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Arezzo Casa, crolla tutto

A rischio la salute e la vita di decine di famiglie.

In molti hanno la memoria corta, ma non il Movimento 5 Stelle.

Il 27 agosto 2019 il signor Roggi Lorenzo viene nominato presidente di Arezzo Casa. Per il  Comune di Arezzo l’assessore alle politiche della casa Tiziana Nisini partecipa alla votazione per la sua nomina.

Il 16 gennaio 2020 il signor Roggi Lorenzo viene coinvolto nell’inchiesta legata al caso Multiservizi con l’ipotesi del reato di corruzione.

Il 22 luglio 2020 viene inviata una segnalazione di problemi di infiltrazioni di acqua e muffa alle case popolari in via Funghini.

Il 25 luglio 2020 avviene il crollo di una porzione di tetto nelle case popolari in via Libia.

Il 23 ottobre 2020 monta nuovamente la protesta di molti abitanti delle case popolari i quali si ritrovano a vivere in ambienti che possono minare la loro salute e nella paura di nuovi crolli.

Abbiamo raccolto la segnalazione di Sonia, una dei tanti condomini che vivono nelle abitazioni popolari in gestione ad Arezzo Casa nella zona di Tortaia, che ci parla di forte degrado, di acqua che filtra dal soffitto, di rischi per la salute reali e concreti, del suo timore di un eventuale crollo dell’abitazione in cui vive. 

Teme che si debba aspettare un evento tragico prima che Arezzo Casa intervenga. 

La mamma è reduce da un’operazione ai polmoni per cui respirare muffa non aiuta di certo. Si sentono abbandonate a loro stesse.

Hanno scritto ad Arezzo Casa molte volte, informando che le ditte inviate a fare manutenzione non risolvono mai il problema. Da anni chiedono aiuto e da anni nulla cambia.

Oggi però la situazione è davvero grave. Le foto, ma soprattutto i video che circolano in queste ore, dimostrano come siano costretti, loro e tanti altri condomini delle case popolari del comune di Arezzo, a vivere nel reale rischio che a breve possa succedere qualcosa di irreparabile. Inoltre ci sono tanti bambini, persone anziane, persone malate, che vivono in queste condizioni.

È trascorso più di un anno dalla nomina del nuovo presidente di Arezzo Casa e nulla è stato fatto. 

La signora Manneschi Monica, Assessore  fresca di nomina, con competenze sulla politica della casa, ha sulla scrivania il suo primo lavoro. È l’ora dei fatti. 

Il Movimento 5 Stelle è pronto a fare la sua parte, per esempio partendo dal controllo sugli interventi di ordinaria manutenzione: sono stati effettivamente eseguiti? Se sì, come?

In veste di primo garante della salute pubblica, cosa ha da dire il Sindaco agli Aretini?

MOVIMENTO 5 STELLE

Share

“Dalla parte dei diritti”, l’adesione del Movimento 5 Stelle Arezzo

Il Movimento 5 Stelle Arezzo aderisce e sostiene l’evento “Dalla parte dei diritti” organizzato dalle associazioni LGBTI+ su tutto il territorio nazionale, ed in particolare ad Arezzo con Chimera Arcobaleno il prossimo sabato 17 ottobre dalle ore 17 in piazza San Jacopo.

Auspichiamo anche noi l’approvazione rapida di una legge che tuteli seriamente le persone LGBTI+ e le donne da violenze e discriminazioni e che individui le risorse necessarie per l’attuazione di politiche concrete. 

Lavoriamo insieme per una società nuova, che consenta a tutti di poter amare liberamente, senza alcun timore di essere discriminato.

Per quanto riguarda la realtà aretina, nel nostro programma abbiamo inserito l’immediata ri-adesione alla rete RE.A.DY dalla quale l’amministrazione di destra era subito uscita, dopo poco tempo dall’insediamento della nuova Giunta nel 2015.

Tra i primi lavori che porteremo in Consiglio Comunale ci sarà proprio questa proposta: vediamo cosa risponderà il Sindaco a questa nostra sollecitazione.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Movimento 5 Stelle, la città che vorremmo

Meno di sette giorni al voto.

Il Movimento 5 Stelle fa un appello accorato a tutti i cittadini, invitandoli domenica 20 e lunedì 21 settembre ad andare alle urne.
I numeri hanno il loro peso e auspichiamo la più ampia partecipazione possibile, affinché la responsabilità del vincitore sia maggiore.
Noi vogliamo essere i rappresentanti delle istanze di tutti i ​cittadini​, delle richieste di tutte le categorie economiche​, a fianco di tutte le ​associazioni ​e un interlocutore di tutte le frazioni ​del Comune.
Le nostre non sono solo promesse, saremo capaci di rappresentare tutti perché vogliamo portare un metodo decisionale nuovo: il ​metodo condiviso​, ossia la creazione di tavoli di lavoro dove ognuno possa portare le proprie idee e dove, con il contributo di tutti, sia possibile trovare la soluzione migliore per ogni problema.
L’uomo solo al comando, che decide tutto e per tutti, non può avere nessun futuro.
La campagna elettorale ha mostrato l’importanza di avere una squadra ​coesa per affrontare qualunque argomento, al contrario di chi invece ha messo tutto nelle mani di un’unica persona. Ai cittadini non sarà sfuggita la ​mancanza totale di proposte​ della maggioranza degli altri partiti. È stata fatta una coalizione per mantenere il comando della città senza fornire argomenti.

Come sarà invece la città che vuole il Movimento 5 Stelle?

Sarà una città “​green​”, sarà una città in cui inizieremo la riconversione e il ​processo di chiusura dell’inceneritore​, una città in cui porteremo il progetto ​Rifiuti Zero​ di Capannori, sarà una città più sicura grazie all’istituzione di ​presidi della polizia Municipale​, una città più trasparente, meritocratica e competente nelle ​aziende partecipate​, una città con il facilitatore energetico ​che possa fornire massima rapidità di risposta alle pratiche edilizie per l’utilizzo del SuperBonus 110%, una città con un ufficio comunale esclusivamente addetto all’individuazione, richiesta e ottenimento dei ​Fondi Europei​ per dare linfa vitale alle nostre aziende, una città più attenta alle situazioni di fragilità con i ​Centri di Ascolto​, una città per i giovani ​ricca di eventi e spazi​ a loro dedicati, allo stesso tempo una città che dia
servizi alle persone più anziane, una città in cui lo sport diventi sinonimo di salute e aggregazione.

Nel nostro programma c’è spazio per tutti, lo potete consultare nel nostro sito all’indirizzo www.movimento5stellearezzo.it

In questa sede non possiamo non sottolineare i tre ​cavalli di battaglia​ che ci hanno accompagnato durante tutta la campagna elettorale: la rivitalizzazione del ​Parco del Pionta e un’attenzione particolare a tutto il quartiere di ​Saione ​con la lotta ad ogni forma di degrado; la trasparenza e la meritocrazia nelle nomine delle ​società partecipate​ dal
Comune; il tema del ​sociale ​ampiamente dimenticato.
La nostra è una battaglia che possiamo vincere solo con il contributo di tutti Voi Aretini.
PrendiamoCi cura della nostra città. PrendiamoCi cura del nostro futuro.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Bilanci preventivi e spese di propaganda


Sono solo bilanci preventivi di spesa ma secondo noi sono indicativi dell’approccio che ogni candidato a sindaco, partito politico o lista, ha voluto tenere in questa campagna elettorale.

Le liste che sostengono il candidato a sindaco Ralli sono ampiamente al primo posto con un preventivo di spesa superiore a 60mila euro.

Al secondo posto si piazzano le liste che sostengono il candidato a sindaco Ghinelli con un preventivo di spesa di oltre 30mila euro. Il calcolo è stato più complicato perché la lista Forza Italia con Arezzo nel cuore ha i preventivi di spesa di alcuni singoli candidati più alti del preventivo di spesa totale della lista: misteri della matematica.

Terzo posto alle liste che sostengono Donati con un preventivo di spesa di 25mila euro, niente male per due liste che si professano civiche.

Poi quarta posizione per Farsetti con preventivo di spesa oltre 5mila euro.

In questa speciale classifica, il Movimento 5 Stelle si piazza al quinto posto a pari merito di preventivo di spesa con la lista a sostegno del candidato a sindaco Butali.

Ognuno è libero di applicare la strategia che ritiene migliore, ma siamo convinti che stare vicino ai cittadini e coinvolgerli nella politica non abbia bisogno di cifre astronomiche. Inoltre, pensiamo che quello che conta siano i progetti e i fatti concreti, farsi pubblicità solo per prendere dei voti, per poi non occuparsi dei problemi della città e non mantenere le promesse elettorali, è per noi inaccettabile.
Gli Aretini, in questi mesi, hanno potuto verificare chi si è “​mostrato” solo per fini elettorali e chi invece si è impegnato ad ascoltare le loro esigenze.
Noi riteniamo di far parte del secondo gruppo, quello che ha vissuto la città accanto agli Aretini, e in virtù di questo chiediamo a tutti i cittadini che vogliano ancora essere parte attiva e integrante della politica aretina, che vogliano essere sempre ascoltati, di mettere una croce nella scheda elettorale sul simbolo del Movimento 5 Stelle.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

M5S, al Pionta la chiusura della campagna elettorale

La nostra avventura è partita dalla zona del Parco Pionta, quando 9 mesi fa abbiamo deciso di aprire qui il punto elettorale del Movimento 5 Stelle. Abbiamo voluto dimostrare, concretamente, con la nostra presenza, la vicinanza ai cittadini di questo quartiere, puntando a fare della sede un punto di ascolto e trasformare le criticità in opportunità.
Per noi è ovvio che la chiusura della nostra campagna elettorale non potesse che avvenire in quello che per noi è il più bel parco di Arezzo: il parco del Pionta, appunto.

In questi mesi abbiamo continuato a progettare e fare iniziative. Ci sono stati dei miglioramenti ma troppo piccoli per ritenerci soddisfatti.
Per questo invochiamo un cambio di marcia che può avvenire solo con il Movimento 5 Stelle, l’unica forza politica che da anni si impegna per questi quartieri critici della nostra città.

Il modello che abbiamo in mente di realizzare è un prototipo che poi potrà essere facilmente replicato in altre zone che presentino particolari necessità.

Invitiamo tutti i cittadini e la stampa, sempre nel rispetto della normativa contro la diffusione del Covid-19, a partecipare all’evento “Progetto Sicurezza” che si terrà venerdì 18 settembre nel Parco del Pionta, nei pressi di Villa Chianini, a partire dalle ore 18.
Saranno presenti Michele Menchetti, candidato a sindaco per il Movimento 5 Stelle, e Luca Migliorino, portavoce M5S alla Camera dei Deputati e membro della commissione antimafia.
Moderatore della serata sarà Luca Petruccioli, candidato M5S per il consiglio comunale.
Sarà presente tutta la lista che sostiene Michele Menchetti sindaco e ogni candidato sarà a disposizione per gli Aretini e i giornalisti che vorranno intervenire.

La serata si concluderà per tutti i partecipanti con un Brindisi a 5 Stelle offerto dal Movimento.
Vi aspettiamo.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Cinque azioni nei primi 100 giorni

Mancano meno di due settimane al voto: è il momento giusto per ricordare agli Aretini quali saranno le nostre prime 5 azioni che realizzeremo nei primi 100 giorni di governo cittadino, qualora risultassimo vincitori.

1) ​Sicurezza​: apertura presidio Polizia Municipale al chiosco di Campo di Marte.

2) ​Aziende e operatori economici​: apertura Ufficio Comunale che si occupi esclusivamente di individuare e intercettare i Fondi Europei necessari allo sviluppo di Arezzo.

3) ​Turismo​: installazione di bagni pubblici fruibili da tutti, un deposito bagagli e riapertura Ufficio Turistico in zona stazione.

4) ​Ambiente​: messa a dimora di vari alberi in città, organizzando e promuovendo l’iniziativa “Alberi per il Futuro”, evento a cui il Movimento 5 Stelle Arezzo aderisce da 3 anni, come fatto in molti altri comuni italiani.

5) ​Integrazione​: adesione alla rete RE.A.DY., la rete nazionale delle pubbliche amministrazioni che promuovono e sostengono iniziative volte a combattere le discriminazioni.

Dopo le parole, è il momento dei fatti, ma sempre avendo chiaro l’obiettivo: dalla parte dei cittadini, come sempre ha fatto il Movimento 5 stelle Arezzo.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share

Elezioni comunali, ecco i soliti asfalti “elettorali”


Come accade prima di ogni elezione comunale, all’appello non potevano mancare quelli che possiamo chiamare gli asfalti “elettorali”.

In via Alessandro Dal Borro, via Fiorentina, viale Santa Margherita e via Romana nella parte di strada in uscita dalla città che porta alla rotonda di Olmo,
sono stati aperti contemporaneamente i cantieri stradali per rifare l’asfalto.

C’è chi gestisce i lavori in chiave elettorale e chi invece, come il Movimento 5 Stelle, afferma ad alta voce che si tratta semplicemente di lavori di ordinaria amministrazione che, seppur necessari, possono essere realizzati durante tutto
l’anno.

Noi pensiamo che amministrare la città significhi anche mettere in campo quelle azioni che hanno il minor impatto possibile sulla vita quotidiana dei cittadini, senza fare calcoli di opportunismo prettamente politico-elettorali.

Movimento 5 Stelle Arezzo

Share